BUONGIORNO CERAMICA - 20 & 21 MAGGIO 2023

Tornano in questo 2023 gli incontri dedicati alla rassegna "Buongiorno Ceramica". Gli appuntamenti si terranno a Montelupo Fiorentino nel weekend di sabato 20 e domenica 21 maggio. Di seguito il programma completo dei due incontri.

SABATO 20 MAGGIO 2023:

Ore 11:00 | Visita guidata presso l’Atelier Bagnoli

Atelier Bagnoli via della Quercia, 9 Loc. Sammontana – Montelupo Fiorentino

Grazie alla collaborazione con la ProLoco di Montelupo, sarà possibile immergersi nelle atmosfere dello studio/galleria dell’artista internazionale Marco Bagnoli.

Info e prenotazioni

Tel. 0571 1590300 – info@museomontelupo.it  oppure inviare mail a prolocomontelupofiorentino1@gmail.com

Disponibilità: 15 posti

Costo: Occorre essere in possesso della tessere Pro Loco Montelupo 2023, il costo della tessera è di € 5,00 ed è possibile sottoscriverla presso il Museo della Ceramica di Montelupo Fiorentino oppure presso l’Atelier Bagnoli poco prima l’inizio della visita guidata. Prenotazione obbligatoria.

Leggere di più


MOSTRA MERCATO

Piazza della Libertà
Corso Garibaldi
Piazza Centi
Via XX Settembre
Via Baccio da Montelupo

Artigiani provenienti da tutta Italia espongono e vendono le proprie opere in ceramica

Una fotografia del panorama artigianale ed artistico contemporaneo italiano e internazionale che ospiterà anche ceramisti delle città gemellate con Montelupo Fiorentino (Moustiers Saint Marie e Manises) e dalle città della rete AICC (Vietri sul mare, Cava de’ Tirreni, San Lorenzello e Cerreto Sannita), con la collaborazione dell’Associazione Strada della Ceramica di Montelupo Fiorentino, di CNA e dell’Unione delle fornaci della terracotta di Samminiatello.

Tra i banchi dei ceramisti troveranno spazio le tradizionali dimostrazioni dei maestri terracottai, dei maestri vetrai e della Scuola di Ceramica di Montelupo.

Angela Lancellotti

Dopo il mio perfezionamento nell’arte della maiolica conseguito al Ballardina a Faenza, ho avviato un laboratorio artigianale in campagna nella provincia modenese dal 1998.Dopo tanta maiolica sono approdata al raku, ma la mia vocazione non si è rivelata la produzione di manufatti, ma l’insegnamento della ceramica e la consulenza. Insegno ceramica da più di vent’anni ai disabili, ai ragazzi delle medie difficili, alle elementari, collaboro con l’istituto d’arte A. Venturi di Modena che mi mandano ogni anno loro studenti di ceramica per lo stage, collaboro con artisti (Adrea Capucci con cui lavoro tutt’ora) e organizzo corsi in atelier in qualsiasi tecnica.

Anche se ormai sono registrata come libera professionista, nel profondo mi sento sempre una ceramista e approfitto delle fiere per portare avanti la mia ricerca artistica.

Maria Grazia Pulvirenti

Sono architetto-ceramista e da diversi anni lavoro costantemente con l’argilla.

Iniziai nel 2004, seguendo alcuni corsi di ceramica che mi portarono nel 2006 ad acquistare un piccolo forno e a continuare ad indagare la ceramica da autodidatta.
Dal 2013 ho reso questa la mia principale attività: nel mio piccolo atelier-laboratorio nascono oggetti sempre differenti, realizzati a mano con amore. Realizzo gli oggetti prevalentemente partendo dalla lastra di argilla stesa a mano,
che diventa il “foglio” su cui disegno, incido, imprimo di volta in volta le differenti forme e soggetti che diventano pannelli decorativi, complementi d’arredo, sculture, gioielli… caratterizzati da una costante attenzione al segno, al disegno, al dettaglio e al colore, tutto minuziosamente lavorato con passione e dedizione.
Prediligo la tecnica raku per i suoi effetti sempre sorprendenti, che donano particolarità a ciascun oggetto, rendendolo unico.

Alice Bolcano

La Manifattura Giuseppe Mazzotti, fondata nel 1903 da Giuseppe Bausin Mazzotti. La fornace, nel suo secolo di vita, ha saputo affermarsi per la sua produzione di alta qualità, oggetti tradizionali e innovativi che oggi sono ricercati dal collezionismo. Durante il Novecento è stata sede di grandi collaborazione con gli artisti del secolo, accogliendo esponenti del Movimento Futurista di Filippo Tommaso Marinetti che poi prosegui negli Anni Cinquanta con artisti di fama mondiale come Lucio Fontana, Aligi Sassu, Asger Jorn, Enrico Baj, Ernesto Treccani e tanti altri autori.

Nel 1987 la Manifattura G. Mazzotti, testimonia l’apertura del primo Museo della ceramica in Albisola: Fabbrica Casa Museo è il simbolo di un concetto progettuale dove la produzione, l’abitazione di famiglia e la storia trovano collocazione nello stesso edificio. Oggi l’azione della Giuseppe Mazzotti 1903 è ampia, infatti, accanto alla produzione di ceramiche tradizionali e di design per l’arredamento della casa e per l’oggettistica aziendale, viene svolta un’importante attività culturale attraverso la gestione del Museo. La lavorazione avviene come sempre con procedimento lavorativo manuale e con la stessa identica passione.

Laura Chiavegato

La passione per i fischietti in ceramica conduce Laura a conseguire un Diploma all’Accademia di Belle Arti di Verona nel 2017, presentando una tesi ad hoc sulla costruzione di un fischietto d’argilla con la relativa declinazione dei diversi passaggi nel contesto di un laboratorio didattico.
Da diversi anni appassionata del mondo ceramico, la sua attività Risvegli, nata nel 2019, rappresenta un vero e proprio inizio e momento di passaggio ad imprenditrice artigiana.

Il laboratorio si inserisce in un contesto campestre, caratterizzato dalla presenza dell’Agriturismo dei genitori e di una fattoria.
Si spazia nell’utilizzo di forme e colori: oggetti fischianti, piccole ocarine, abat jour, piastrelle d’arredamento, portaincensi, bomboniere su commissione.
La tecnica di decorazione prediletta è la cottura raku, ma non mancano decorazioni ad ingobbio, ingobbi graffiti e smalti a bassa temperatura.
Dal 2023 è socia dell’Associazione di ceramisti faentina denominata “Arte della Ceramica”.

Luciano Caponi

Luciano Caponi, vive e lavora in Ascoli Piceno, Maestro d’Arte, Accademico G. Marconi (Roma), già vice Presidente della Picus art, consigliere e tesoriere Accademia Maiolicari Ascolani, si è fatto apprezzare dal suo pubblico e dalla critica non solo per i suoi dipinti ma soprattutto per le sue ceramiche. Personalità artisticamente completa, svolge un’attività nel settore sia della pittura su tela che sulle ceramiche e del restauro, rivelando in questo modo la sua passione per la natura, descrivendola con particolari minuziosi, con sfumature calde, riprodotte con colori vivi come il rosso,
l’arancione, il giallo usufruiti come simbolo di una natura viva.

Delfina Colarusso

Mi sono appasionata alla ceramica circa 4 anni fa, ma è solo da un anno che è diventato realmente il mio lavoro, ho un piccolo laboratorio che sto sistemando e arricchendo un po’ alla volta, sono un piccolissimo brand emergente.

Realizzo oggetti funzionali in gres utilizzando esclusivamente tecniche di modellazione manuale, principalmente il pizzico e la lastra, non uso stampi e nemmeno il tornio (se non per la rifinitura di alcuni oggetti), mi piace l’effetto grezzo e imperfetto chela modellazione manuale conferisce ad ogni pezzo.

Valentina Calderini

Dopo aver frequentato le botteghe artigiane di Deruta dove ho potuto affinare le mie capacità artistiche sotto la guida di esperti ceramisti, ho intrapreso una produzione che spazia dal classico al
moderno alla continua ricerca di nuove forme e stili.

Monica Ortelli

Dopo il diploma di Maestra d’Arte all’Istituto d’Arte per la Ceramica Ballardini, si è perfezionata in arte della maiolica e ha successivamente lavorato per diversi ceramisti faentini.

Si dedica alla produzione di maioliche tradizionali faentine utilizzando gli stili rinascimentali e Liberty, fino alla realizzazione di madonne e bomboniere.

Monica utilizza anche il tornio ed effettua una piccola produzione di oggetti a colaggio: nella lavorazione si utilizzano terraglia, pirofila e terra rossa delle colline faentine.

L’artigianalità e l’unicità del suo lavoro prevedono decorazioni eseguite esclusivamente a pennello, con cristallina finale a spruzzo, e in alcuni casi decorazioni con oro fissato in terza cottura.

Negli ultimi anni, seguendo un gusto e uno stile più contemporanei, Ortelli ha cominciato a utilizzare colori brillanti e saturi, tono su tono o in contrasto.

tel. 0546 32488

cell. +39 334 6709797

cermonicaortelli@libero.it

Milena Scarpelli

Sono una ceramista di Faenza, libera professionista dal 2011. Mi sono diplomata all’istituto d’Arte per la Ceramica “G. Ballardini” di Faenza ed ho seguito un successivo perfezionamento nello stesso istituto. Ho frequentato fin da molto giovane il laboratorio di una ceramista locale, Maria Elena Boschi, appassionandomi così alla ceramica facendone poi da grande la mia professione.

Dopo svariate mostre, da più di 10 anni condivido uno spazio espositivo con vendita in centro a Faenza.

La mia produzione si compone di pezzi unici realizzati interamente a mano.

Le mie creazioni sono in stile moderno, ispirate alla natura, e spaziano dai gioielli alle sculture, dai vasi ai pannelli decorativi, dalle ciotole a composizioni floreali con fiori in ceramica abbinati ad altri materiali artificiali. Utilizzo impasti semiraffreddati, gres e terraglia. Le tecniche con cui realizzo i miei pezzi sono varie : raku, terzo fuoco e secondo fuoco.

Rosanna Esposito

Cinzia Cordivani

Sono nata e vivo ad Ascoli Piceno, figlia d’arte, lavoro dal 1990 nella bottega di mio padre e muovo i miei primi passi in questo antico e affascinante mestiere. Diplomata al Liceo Artistico “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno.

Il mio lavoro si estende in diversi campi, principalmente la “ceramica” con oggetti d’arredo, pannelli e valorizzazione di ambienti (bagni, cucina, pavimenti…) rendendo l’ambiente unico e originale. Ma anche: Tavoli artistici con intarsi in ceramica o mosaico; quadri per arredo case private o attività; decoro a piombo su vetro (vetrate, porte…); mosaici; affreschi; restauro affreschi; trompe-l’oeil.

Lo studio di ogni oggetto o lavoro realizzato resta un pezzo unico e personalizzato.

Attanasio Rino

La prima manifestazione terrena di Gennaro Attanasio è avvenuta nel 1978 a Pollena Trocchia, tra Napoli e il Vesuvio,  dove si aggiunse ad una famiglia di ceramisti napoletani; il primo incontro con la ceramica fu quindi direttamente in  carrozzino mentre i genitori erano impegnati a lavoro.

Del segno della vergine, gli fu ben presto chiaro che il suo elemento fosse la terra, la cominciò a lavorare e quindi a studiare, facendo poi della sua passione una professione.

Tra produzioni in serie e pezzi unici la sua opera si è rivolta tanto a interlocutori internazionali che al vicino di casa, con ceramica per la “pancia” e ceramica per lo spirito; “la ceramica non solo come oggetto prodotto, ma anche come azione, come processo della manifestazione creativa”in questa visione della materia si cimenta spesso in azioni estemporanee, in stage e progetti creativi con il mondo della scuola e del volontariato.

Attualmente continua l’attività di famiglia, Arte della Ceramica, nello storico laboratorio di Trocchia dove tra porcellane di Capodimonte e argille selvatiche continua a trasformare la terra in ceramica.

Valentina Angelini

Io sono Valentina, un’artigiana ceramista, ho aperto uno spazio di cowork ceramico a Faenza a Giugno 2023 per poter aprire la mia attività e vendere in regola dopo aver frequentato il corso
IFTS 2020/2021 tecnico del prodotto ceramico a Faenza. Ho iniziato a lavorare presso Terra e Forme di Ilirio Garavini, laboratorio di semilavorati ceramici per poi intraprendere il mio percorso di produzioni in proprio come ditta individuale, mantenendo la collaborazione con gli stessi. Attualmente collaboro anche con artisti in residenza, realtà locali come Mondial Tornianti, Museo Carlo Zauli, MIC Museo Internazionale delle Ceramiche nonché associazioni
volontarie tra cui Croce Rossa Italiana, comitato di Faenza. A seguito dell’alluvione avvenuta lo scorso maggio a Faenza, mi sono resa disponibile a svolgere corsi.

Francesca Bonaccorsi

Sono una ceramista e designer con un piccolo laboratorio a Prato. Da circa tre anni, mi dedico a questa attività in parallelo alla mia professione di designer moda e accessori; formazione che mi permette di fondere creatività e artigianalità nel mio lavoro.

Faccio campanelle tutte al femminile, piccole donnine tintinnanti ognuna con una sua storia e personalità. Faccio lampade che prendono vita e che si guardano incuriosite. Non è la perfezione che ricerco, ma un tocco di poesia in mezzo all’imperfezione.

Olga Buneeva

Il Gorilla Srls è nata a luglio 2023 con lo scopo di creare e promuovere le opere artistiche. Fondata dall’artista italiana di origine russa Olga Buneeva. Pittrice e illustratrice di libri, nel 2019 ha finito il biennio di arti visive all’Accademia delle Belle Arti di Brera a Milano. Dal 2020 dopo un corso alla scuola Ranieri di Deruta e in costante collaborazione e apprendimento dai ceramisti storici di Deruta (come Umberto Goretti) crea opere uniche di ceramica artistica.

Tutte le opere sono uniche, fatte di argilla con tecnica a colombino, dipinte a mano con ingobbi e smalti.

Rossana Brambilla

Ceramista italiana in continua ricerca, lavora l’argilla con cuore appassionato, quotidianamente grata per ilprivilegio di svolgere la professione che ama.
Assecondando il proprio gusto estetico, ma non senza uno sguardo attento alla sostenibilità ambientale, nel tempo ha sviluppato un linguaggio personale che sente suo e la rappresenta; lavora prevalentemente argille semirefrattarie rivestite con terre decantate e pratica cotture alternative in riduzione d’ossigeno.
Ha iniziato ad insegnare ceramica nel 2019. Nel suo laboratorio in provincia di Bergamo, ogni settimana ospita oltre 20 persone che seguono i suoi corsi con passione e dedizione.

www.rossanabrambilla.com
tel. +39 328 95 26 456

Antonella Amaretti

Antonella Amaretti è nata nel 1974 a Faenza.

Ha capito subito che la ceramica doveva essere la sua strada da adulta, dopo alcuni laboratori scolastici.

Si è iscritta all’Istituto d’Arte per la Ceramica Ballardini, dove ha conseguito la Maturità Artistica, e successivamente al corso di “Restauro della Ceramica” nella stessa scuola.

Ha frequentato a parte anche corsi di disegno e pittura su tela, cartapesta, xilografia e grafica al computer.

Nel suo studio realizza creazioni artistiche con materiali vari e altri pezzi su idea dei committenti.

In campo ceramico predilige la maiolica, dipinta a mano con disegni di sua ideazione, pur realizzando pezzi dal tradizionale faentino e dallo stile Liberty.

Inoltre, modella a mano forme in argilla sia rossa, sia bianca, che riproducono forme animali e vegetali, cui applica smalti e vetrine colorate.

Contatti:

Tel. e Whatsapp 333/1280101 – E-mail amarettiantonella@gmail.com

Instagram: @amarettiantonellacrea

Diego Poloniato

Sono un ceramista dal 1983. Ho vinto numerosi concorsi del fischietto in terracotta in tutta Italia. Nel 2020 ho ricevuto il prestigioso premio MAM della Fondazione Cologni. Le mie sculture hanno la particolarità di essere dei fischietti (Arcicuchi), sono modellate interamente a mano, senza uso alcuno di forme, con semirefrattari colorati. Riproducono soggetti vari della nostra tradizione popolare e non solo.

Marta Monduzzi

Nata a Faenza, si è formata all’Istituto d’Arte per la Ceramica G. Ballardini, specializzandosi nel trattamento delle superfici. Si è quindi diplomata in decorazione, con il massimo dei voti all’Accademia di Belle Arti di Bologna.
Ha sviluppato, grazie all’indirizzo didattico, un forte amore per le texture e la passione per il disegno e l’incisione su lastra (acquaforte-puntasecca).
Per alcuni anni ha gestito insieme ad un’altra artigiana un laboratorio che si occupava di mosaico e ceramica, un interessante connubio tra tradizione faentina e ravennate.
Nel tempo ha seguito un personale percorso di maturazione artistica che l’ha portata a sperimentare tanto, mettendo a punto diverse tecniche decorative (sabbiatura, cristallina a
rilievo e graffito).
Ha una produzione eclettica, che comprende oggetti d’uso, tazze, bicchieri, vassoi ecc. caratterizzati da colori pastello e decorati a rilievo o da decori più grafici realizzati a
graffito; complementi d’arredo, ad esempio, specchi, cornici e vasi sospesi. Affianca alla produzione più commerciale, una ricerca più scultorea, pezzi unici modellati a mano, materici.
Utilizza prevalentemente argilla Faenza, terraglia bianca e grès.
3452321720
Fb: Marta.Monduzzi.ceramica
Ig: marta,monduzzi.ceramica

Marta Mocciaro

La mia è una piccola attività di  produzione di ceramiche per uso quotidiano. È aprta da circa un anno.

La mia produzione consiste in pezzi realizzati da me al tornio in gres e terra bianca. Gli smalti sono prodotti da me e le decorazioni sono dipinte a mano interamente da me.

Riccardo Torri

Ho lavorato per 5 anni per Vico Condotti Ceramiche di Rossana Gerbasi occupandomi della produzione in cuerda seca. In questi anni abbiamo anche organizzato corsi in tutta Italia per insegnare questa tecnica a diversi colleghi. Da Febbraio mi sono messo in proprio continuando a collaborare con Vico Condotti.

Tutte le mie produzioni sono realizzate con la tecnica della cuerda seca utilizzando materiali atossici. La produzione si basa su oggetti di decoro come quadri, vasi, orologi, tavoli e tavolini, rivestimenti per cucine ebagni.

Luana Minchio

Lupa ceramica nasce alle sorgenti del fiume Sile, tra acque limpide, querceti ed erbe spontanee. Da questi elementi nasce un’erbario con suggestive tavole botaniche e una linea in porcellana per usi alimentari con forme lineari. Protagonisti: il blu dell’acqua, il verde del bosco, il marrone della terra.

Barbara Tomassini

Barbara Tomassini, nata ad Ascoli Piceno nel 1969 in una famiglia dedita all’arte, inizia il percorso formativo artistico dopo il diploma, frequentando botteghe artigianali e sperimentando forme e tecniche di espressione pittorica con gli insegnamenti di Dante Fazzini e si forma in quegli anni presso una scuola regionale apprendendo le tecniche di lavorazione della ceramica. Maestro artiginato e Bottega Scuola, è presidente regionale di CNA artistico Marche. Ultimamente ha avuto il suo riconoscimento di Maestro d’arte in un progetto riconosciuto dal Ministero della Cultura.

Realizza manufatti in ceramica decorati a mano con tecniche artigianali (ceramica moderna ispirata alla tradizione) e dipinti compresi murales e trampe-l’oeil).

Ha partecipato con due opere personali in ceramica alla realizzazione del Cielo d’Italia per l’expo 2015.

Collabora con istituti scolastici insegnando in progetti legati all’attività artistica. I suoi lavori sono presenti in palazzi, chiese e scuole nella provincia di Ascoli Piceno e Teramo e presso numerose abitazioni.

Maria Elena Boschi

Nel settore ceramico da circa 50 anni, svolgo la mia ttività da libera professionista a Faenza.

Produco ceramica raku, tradizionale, bigiotteria, gioielli con l’argento (sono diplomata orafa), combinazione di ceramica e mosaico (ho una laurea breve all’accademia di ravenna per mosaico.

Martina Buzio

Il mio primo incontro con l’argilla lo devo alla grande passione della scultrice fiorentina Amalia Ciardi Dupré, nel 2014. Con lei ho imparato a fare sculture in terracotta per poi sperimentare altre argille e tecniche. Ho frequentato un corso di tornio alla scuola di Montelupo e corsi di porcellana con Martha Pochon.
Nel 2017 ho aperto un laboratorio di ceramica nel centro storico di Firenze, dove ho lavorato specialmente grès e porcellana e ho tenuto corsi di ceramica, ospitando anche altri amici ceramisti.
Dal 2019 faccio parte dell’associazione Pandora – Artiste ceramiste .
Nel 2021 ho fondato il collettivo artistico “Le quattro lune” assieme a Deborah Ciolli, Robbie Mazzaro e Paola Ramondini, che si occupa di istallazioni ceramiche e performance prendendo spunto e ispirazione nella natura.
Nel 2023 ho deciso di trasferire il mio Laboratorio sulle colline di Firenze vicino a casa, fra natura e profumi della macchia mediterranea. Un nuovo inizio sicuramente anche per la mia sperimentazione ceramica in un contesto più ecologico e sereno.

Beatrice Ciotti

Laureata in design in italia e specializzata nella modellazione, decorazione e smaltatura di vari impasti ceramici in portogallo, ceramista da 8 anni, precedentemente decoratrice presso un’azienda perugina; durante gli studi assistente al lavoro di un rinomato designer ceramista portoghese Joao Abreu Valente e nella sua stessa scuola di formazione come assistente dei professori.

Successivamente co-proprietaria di “Curva -Atelier di ceramica” (Lisbona) dal 2019 e titolare di “Patamar-laboratorio di ceramica” (San Benedetto del tronto) dal 2021.

La produzione si concentra sulla creazione di oggetti funzionali e non e accessori con aspetto vissuto, quasi archeologico. Le superfici racchiudono texture date da smalti sperimentali a base di ceneri vegetali e dall’utilizzo di argille diverse nelle temperature, nelle colorazioni e nella composizione.

Attualmente porto avanti ricerche sulla reperibilità di materiali organici naturali ed utilizzabili in ceramica.

Valentina Batini

Valentina Batini ha una formazione artistica e da oltre venti anni realizza manufatti in ceramica per uso quotidiano, arredo d’interni e opere uniche. Ha iniziato come decoratrice specializzandosi presso la Scuola della ceramica di Montelupo Fiorentino ed ha affinato la pratica della pittura collaborando con aziende del territorio. Dal 2003 realizza forme proprie, dallo stile minimale, utilizzando la tecnica a lastra. Caratterizza le superfici con texture e con campiture cromatiche che sfruttano le trasparenze delle cristalline colorate. Oltre alla produzione, collabora con professionisti in ambito artistico per progetti dedicati alla ceramica contemporanea e con enti pubblici e privati per progetti didattici.

Daria Matchneva

Impresa individuale, da più di trent’anni.

Collaborazioni : Sila Argille, Colorobia

Socio della ” Arte della Ceramica “, associazione dei ceramisti.

Ogetti unici per il complimento d’ arredo, fatti amano ( modellati o foggiati al tornio ) in terraglia, terra rossa, terre refrattari, shamot bianco. Brocche decorativi, sculture e soprammobili , piatti decorativi da appendere al muro in terracotta e maiolica, dipinti a mano libera con engobbi ed ossidi. Stile figurativo.

Flavia Turone

Mi chiamo Flavia Turone, in arte “effetti”.
Laureata in architettura d’interni, ho per diversi anni lavorato in questo settore per poi spaziare in altri campi creativi.
Nel tempo ho creato gioielli con varie tecniche e ho lavorato la ceramica per diletto.
Da qualche anno creo gioielli contemporanei in porcellana, esplorando le infinite potenzialità di questo materiale eccezionale.
Sperimento forme geometriche, organiche e grafiche.
Amo i contrasti di texture, tattili e visivi.
Mi lascio ispirare da ciò che mi circonda ma disegno raramente i miei gioielli; il più delle volte realizzo direttamente il modello durante la lavorazione stessa. E’ l’argilla di porcellana che plasmata e modellata tra le dita, mi suggerisce l’idea.
“Atelier effetti” nasce il giorno in cui ho scoperto la porcellana ed è stato “amore a primo tatto”.
Dall’unione di due passioni: i gioielli e la ceramica nasce il mio progetto “atelier effetti”.
Dopo due anni di studio e sperimentazione ( che continua e continuerà sempre) la mia attività prende forma.

Roberto Pompucci

Ho svolto attività di insegnamento della ceramica per più di 30 anni presso un centro educaavo gesato da una cooperaava sociale a Pesaro. Dal 2018 ho un piccolo laboratorio limitrofo alla mia abitazione dove svolgo la mia advità arasaco/aragianale e corsi rivola a principiana. Parallelamente partecipo a iniziaave di animazione ceramica in luoghi e contesa dove vengo chiamato. Nel mese di Marzo 2024 è stata inaugurata una opera di ceramica (murales) che ho realizzato per il Comune di Grada nell’ambito del
progeBo Francesca Oltre le Mura.

Non produco in serie, ma pezzi unici che si trad di vasellame o grandi quadri in pixel art sia da interno che da esterno (museo a cielo aperto) . Sul mio profilo Instagram è possibile vedere le mie opere realizzate con tecniche che ruotano aBorno all’universo rami. Raku dolce, raku nudo, metallizzaa, horse-hair, sagar- firing, obvara, ecc.. . Inoltre ho due creazioni che hanno ricevuto il breveBo internazionale. Nel periodo post covid ho realizzato laboratori per il comune di Gradara, e per una azienda sanitaria di Pesaro con formazione personale educaavo.

Lisetta Torrigiani

Sono Torrigiani Lisetta, fondatrice e proprietaria dell’azienda da circa 15 anni, con esperienza nel settore artistico. Inizialmente ho intrapreso il percorso come artigiana nel campo della pittura e della decorazione, per poi sviluppare competenze nella lavorazione della ceramica. L’azienda è gestita interamente da me, si distingue per la dedizione alla creazione artistica e alla qualità artigianale. Negli anni ho collaborato con privati e locali pubblici, fornendo loro opere d’arte uniche e personalizzate che soddisfano esigenze estetiche e funzionali, mantenendo elevati standard di qualità e originalità.

Nel mio lavoro con la ceramica, prediligo l’utilizzo dell’argilla bianca e rossa cui applico ingobbi e smalti tramite tecniche manuali come la pittura a mano libera con pennelli e altri strumenti. La differenziazione delle texture riveste un ruolo chiave, tuttavia il fulcro delle mie opere risiede nell’attenzione per il colore, le combinazione cromatiche e la forma. Questa ricerca estetica, unita alla funzionalità dei manufatti e alla loro originalità, costituisce un elemento distintivo del mio approccio artistico.

Riccardo Zocche

Sono un architetto e designer libero professionista in proprio da Giugno 2023 con una ricerca personale nella ceramica iniziata nel 2017 grazie ad Elio Cristiani a Milano, proseguita poi a New York ed in Italia, attualmente approdata presso il laboratorio di Andrea Reggiani a Creazzo (VI) col quale ho instaurato un rapporto di fruttuosa sinergia creativa. Dopo aver maturato esperienze lavorative presso Cino Zucchi Architetti a Milano, Cristian Wassmann a New
York, Taller KEN in Costa Rica, ho avviato il mio studio professionale che si trova a Schio (VI) e spazia dall’architettura soprattutto di interni al design del prodotto ceramico, affrontando il tema della ceramica come medium di un’espressione talvolta puramente artistica e artigianale, talvolta funzionale.